Dente da devitalizzare: quali sono i sintomi che devono farci insospettire

Dente da devitalizzare

Dente da devitalizzare significa un dente da cui rimuovere la “polpa”, ossia quella struttura al centro del dente che contiene vasi sanguigni e rami nervosi, qualora su questa insista un’infezione.

 

Dente da devitalizzare: quali sono i sintomi che devono farci insospettire subito

 

Il mal di denti è comunemente il modo in cui si manifestano le patologie in corso sui nervi e sui vasi del dente da devitalizzare. Il dolore al dente può presentarsi quando eserciti pressione sullo stesso, oppure durante la masticazione.

Il dolore di un dente da devitalizzare all’inizio si presenta molto forte, per poi scomparire gradualmente. Questo dolore può anche irradiarsi e diffondersi ad altre parti del corpo, in particolare alla testa, oppure, se il dolore interessa i denti posteriori, fino all’orecchio prossimo a questi denti.

Un altro segno di dente da devitalizzare è il suo cambiamento di colore. Se il tuo dente assume una colorazione più scura del solito, specialmente nella zona in cui è innestato alla gengiva, probabilmente è in corso un’infezione.

È per questo opportuno rivolgersi ad uno studio dentistico, dove i medici saranno in grado di risalire alla causa precisa di questa alterazione del colore e capire se si tratti effettivamente di un dente da devitalizzare.

 

Come si svolge la devitalizzazione?

Una volta che il tuo medico avrà individuato le cause dei tuoi disturbi nelle strutture sanguigne e nervose al centro del tuo dente, ci si troverà di fronte al dente da devitalizzare.

COMPILA IL FORM
E VERRAI CONTATTATO
DAL NOSTRO PERSONALE,
OPPURE CHIAMACI AL NUMERO
0321 62 82 62


Nome e Cognome*

Telefono*

Email*

Messaggio*




Accetto trattamento privacy secondo Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016


biliotti-img-devitalizzare

Qual è il procedimento da seguire per un dente da devitalizzare?

Nella prima fase, attraverso un’incisione si pratica un’apertura attraverso il dente, in modo da accedere alla radice. Nella seconda fase, si rimuovono i tessuti infetti, si allarga il canale radicolare e si pratica un’opera di pulizia ed igienizzazione della cavità con prodotti chimici appositi.

Nella terza fase si procede a chiudere ermeticamente ogni apertura, al fine di evitare ogni possibile reinfezione. A questo scopo, viene applicata della pasta che aderisce perfettamente sulle aperture.
A conclusione del trattamento di devitalizzazione, sul dente verrà apposto un sigillo coronale.

Se praticata una buona igiene orale a seguito dell’intervento sopra esposto, il dente conserverà una buona salute per tutta la vita. Devitalizzare un dente significa quindi ripristinare la sua funzione e le sue caratteristiche estetiche originali.

PRENOTA LA TUA VISITA NEL NOSTRO STUDIO

scopri un nuovo approccio di cura odontoiatrica